Strategia storytelling per freelance: la storia del tuo personal brand

Ho appena mandato la newsletter alla mia community dove ho raccontato che di recente ho finito un percorso di mentoring con una persona molto focalizzata al marketing ad analisi di dati, tutti fattori importanti ma che non sapranno essere armi vincenti senza chiarezza. Chiarezza, sicurezza e capacità di comunicazione non arrivano dal corso di marketing arrivano dalla nostra capacità di storytelling. 

Avere una strategia di personal branding passa dal raccontare la tua storia personale proprio perché sei Freelance ed il tuo Personal Brand attinge dalla tua persona. Dove, è bene ricordare, che personale è diverso da privato.

In questo articolo, esploreremo come lo storytelling può trasformare il tuo business e aiutarti a creare un legame profondo con il tuo pubblico.

Come fare storytelling per il tuo personal brand?

Raccontare una storia non è solo un modo per intrattenere. È un potente strumento per creare un ponte tra noi e i nostri clienti, basato su tre pilastri fondamentali: attenzione, influenza e trasformazione.

Attenzione: Catturare l’Interesse del Pubblico

Per catturare l’attenzione del nostro pubblico, dobbiamo raccontare storie che li trasportino in un’altra dimensione. Quando ascoltano una storia ben costruita, le persone concedono la loro attenzione spontaneamente. Questo è il primo passo per far sì che il nostro messaggio venga ascoltato e ricordato.

Influenza: Creare un Legame Emotivo

Una volta catturata l’attenzione, possiamo influenzare i comportamenti del nostro pubblico. Le storie hanno il potere di convincere e di annullare ogni resistenza. Quando una storia tocca il cuore, crea un legame emotivo che rende il nostro messaggio ancora più potente.

Trasformazione: Cambiare Prospettive

Il vero obiettivo dello storytelling è la trasformazione. Vogliamo che chi ascolta la nostra storia cambi il suo punto di vista e il suo comportamento. Questo avviene quando le nostre storie sono capaci di lasciare un segno indelebile, portando il nostro pubblico a vedere il mondo (e il nostro prodotto o servizio) in modo diverso.

Freelance e personal branding: come scegliere la storia?

Ognuno di noi ha una storia unica, e ciò che conta davvero sono le emozioni che essa racchiude. Le tue emozioni, quelle nascoste e chiuse nello scrigno con tanto di catene. Quelle che, se provi per un attimo a far tornare a galla, ti fanno ridere, arrabbiare o commuoverti.

La tua storia è la cosa più importante per la tua realizzazione.

Da essa attingi la tua proposta unica di vendita, il tuo approccio, i tuoi valori, il tuo piano editoriale e persino il tuo visual (colori, font e tono di voce).

La tua storia, non quella tramandata da genitori inadeguati, insegnanti saccenti o colleghi ostili, ma la tua personale visione della tua storia, ergo le tue emozioni.

Vendere se sei Freelance? Personal branding + storytelling

Esempio Concreto di Personal Brand e Storytelling

Un esempio pratico è la storia di Giovanna, una fotografa professionista. L’anno scorso, per la festa della mamma, aveva invitato i suoi clienti a farsi una foto con la madre concentrando i suoi sforzi sull’importanza della mamma, dei costi bassi e delle spese di spedizione incluse. Non ha funzionato granché.

Ora, proprio il mese scorso, dopo settimane di comunicazione sul fatto che lei una madre non l’ha avuta, dato che è morta quando aveva poco più di 2 anni, e che non sa cosa significa perdere una madre perché non se lo ricorda. Non è una brutta persona per questo, è un vuoto, un “non conosco” ma conosce molto bene la sua nonna Carla, i suoi occhiali grandi, il suo profumo di talco e le gonne scozzesi sempre troppo lunghe. (quanto abbiamo pianto a parlare di lei in sessione ed io nonna Carla non l’ho conosciuta). Beh da quando ha cambiato approccio sono arrivati nuovi clienti, nuovi followers ed il mese scorso il suo lancio “porta la nonna in vacanza” ha funzionato molto bene. Già una foto con la nonna prima di partire per ricordarla anche se vai lontano, anche se il telefono non prende.

Tantissime persone si sono riconosciute nel non avere con sé una foto di nonna che è stata una figura portante. E tante hanno detto che magari la foto c’è ma sta da mamma e con mamma non ci vanno molto d’accordo e che sì potevano farsi una foto tutta loro con nonna. E nel farla, dirgli quanto fosse speciale, quanto quegli abbracci rugosi hanno mitigato gli abbracci di genitori egocentrici ed inadeguati.

La tua storia è il cuore del tuo Business

Avere una strategia di personal branding non è come avere una fabbrica di bottoni, è coltivare e nutrire la propria persona, la propria storia per metterla al servizio di qualcun altro e fare la differenza. Dalla tua storia ottieni il tuo scopo, la tua motivazione, la tua resilienza, la tua gioia, la tua fatica, il tuo cuore oltre la fatica.

Un Business di successo è creare valore per gli altri, e quando attinge da te stesso è una rivoluzione straordinaria.

Strategia personal branding per Freelance e professionisti

Ci vediamo Live il 17 luglio alle 18:00 sul mio canale Youtube per parlare di strategia, emozioni e storytelling. Non mancare!

👉 Link: https://www.youtube.com/watch?v=LruvLqLWAa4

Iscriviti alla Community

Credo che potrebbero esserti utili...